Manutentore del Verde

Percorso abilitante professionale per Manutentore del Verde

Regione Lombardia ha approvato con decreto n. 5777 del 23 aprile 2018 pubblicato sul BURL n. 18 Serie Ordinaria del 2 maggio 2018, la regolamentazione dei percorsi abilitanti di manutentore del verde ai sensi dell’art 12 comma 2 della legge n. 154/2016 e dell’Accordo in Conferenza Stato Regioni del 22 febbraio 2018.

Descrizione del profilo

Il Manutentore del verde allestisce, sistema e manutiene/cura aree verdi, aiuole, parchi, alberature e giardini pubblici e privati. Cura la predisposizione del terreno ospitante, la messa a dimora delle piante sino alla realizzazione dell’impianto e alla successiva gestione, applicando le necessarie tecniche colturali e fitosanitarie; gestisce le manutenzioni ordinarie e straordinarie, la potatura delle principali specie ornamentali in osservanza anche delle “Linee guida per la gestione del verde urbano e prime indicazioni per una pianificazione sostenibile”; applica la difesa fitosanitaria ai vegetali nei limiti delle leggi in vigore. È in grado di recuperare e di smaltire correttamente sfalci e potature. È in grado di fare un uso corretto delle attrezzature e dei macchinari specifici.

Soggetti ai quali è destinata la formazione

I corsi di formazione per la qualificazione di Manutentore del verde ai sensi dell’articolo 12 comma 1, lettera b), della legge n. 154 del 26 luglio 2016 sono rivolti al titolare d’impresa o al preposto facente parte dell’organico dell’impresa.

Prerequisiti

Al fine dell’ammissione al corso di formazione sono necessari i seguenti requisiti:

  • diciotto anni ovvero età inferiore purché in possesso di Qualifica professionale conseguita ai sensi del decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226;
  • diploma di scuola secondaria di 1° grado.

Coloro che hanno conseguito un titolo di studio all’estero devono presentare una dichiarazione di valore che attesti il livello di scolarizzazione. Per coloro i quali hanno conseguito titoli di studio negli Stati membri dell’Unione Europea, dello Spazio economico europeo e nella Confederazione Svizzera, al fine di semplificare il loro accesso alla formazione professionale all’interno della Comunità Europea agevolando la libera circolazione delle persone, può essere richiesta la sola traduzione asseverata, qualora l’Ente accreditato sia in grado di esprimere un giudizio sul livello del titolo di studio.

Per gli stranieri è inoltre indispensabile una buona conoscenza della lingua italiana orale e scritta, che consenta di partecipare attivamente al percorso formativo. Tale conoscenza deve essere verificata attraverso un test di ingresso da conservare agli atti dell’ente accreditato.

Tutti i requisiti devono essere presentati e verificati dall’ente di formazione prima dell’inizio della frequenza del percorso formativo. In nessun caso sono ammesse deroghe..

Articolazione e durata dei percorsi di formazione

La durata minima del percorso standard per ottenere la qualificazione di Manutentore del verde è di 180 ore complessive, di cui almeno 60 ore di attività pratiche.

Esame finale

La qualificazione all’attività di Manutentore del verde è rilasciata previo superamento di apposito esame volto a verificare l’acquisizione di adeguate competenze tecnico professionali previste dal corso.

Possono accedere all’esame i soggetti che hanno frequentato almeno l’80% delle ore complessive del percorso formativo sia per la parte di didattica frontale che per la parte pratica. I crediti formativi riconosciuti sono computati ai fini del calcolo delle ore di frequenza come ore di effettiva presenza.

Attestato finale

Al superamento dell’esame finale consegue il rilascio di un attestato di competenza con valore di qualifica di Manutentore del Verde ai sensi dell’art 12 comma 2 della legge 154/2016.

Il mancato superamento dell’esame non consente il rilascio dell’attestato finale; il candidato dovrà rifrequentare il corso per colmare le lacune evidenziate in sede di esame fermo restando per l’ente accreditato la possibilità di riconoscergli crediti formativi fino a un massimo del 50% rispetto al percorso standard.

Tale attestato è valido su tutto il territorio nazionale.

Argomenti trattati durante il corso

Conoscenze

  • Elementi di botanica generale
  • Elementi di botanica sistematica
  • Elementi di coltivazioni arboree
  • Elementi di entomologia
  • Elementi di fitopatologia
  • Elementi di pedologia
  • Elementi di normativa fitosanitaria
  • Normativa in materia di scarti verdi

Abilità

  • Applicare tecniche di preparazione del terreno
  • Applicare tecniche di diserbo
  • Utilizzare attrezzi agricoli
  • Utilizzare dispositivi di protezione individuali (DPI)
  • Utilizzare sistemi di irrigazione
  • Utilizzare strumenti per distribuzione antiparassitari
  • Applicare la normativa fitosanitaria con particolare riferimento al passaporto delle piante
  • Applicare la normativa fitosanitaria con riferimento agli organismi nocivi da quarantena e eventuali prescrizioni
  • Applicare la normativa sul corretto smaltimento/recupero dei materiali vegetali di risulta
  • Applicare tecniche di potatura
  • Applicare tecniche di concimazione

Conoscenze

  • Elementi di coltivazioni arboree
  • Elementi di entomologia e patologia
  • Elementi di progettazione del verde
  • Principi di fisiologia vegetale
  • Principi di agronomia generale e speciale
  • Elementi di normativa fitosanitaria

Abilità

  • Applicare tecniche di concimazione
  • Applicare tecniche di potatura
  • Applicare tecniche di difesa e diserbo
  • Applicare tecniche di semina
  • Utilizzare attrezzi agricoli
  • Utilizzare dispositivi di protezione individuali (DPI)
  • Utilizzare sistemi di irrigazione
  • Utilizzare strumenti per la distribuzione di prodotti fitosanitari
  • Applicare le prescrizioni fitosanitarie obbligatorie
  • Applicare tecniche di trapianto e messa a dimora
  • Utilizzare gli elaborati progettuali e trasferirli in cantiere

Hai bisogno di chiarimenti?

Richiedi informazioni

Sede del Corso

Corsi correlati della stessa categoria